Il manuale del Salary Cap

3. LUXURY TAX E APRON

Oltre al limite del Salary Cap (fissato a 101 milioni circa per la stagione 2018/19), ci sono altre 3 soglie che devono essere rispettate dalle squadre NBA.

    1. Salary Floor: il totale degli stipendi per ogni squadra deve essere ALMENO pari al 90 percento del limite del Salary Cap (91 milioni circa per la stagione 2018/19); il rispetto del limite si verifica alla data dell’ultima partita di Regular Season. Nel caso in cui un giocatore venisse scambiato a stagione in corso, lo stipendio del giocatore verrebbe diviso tra le squadre per cui ha giocato (ovviamente tutto in proporzione). Nella stagione 2017-18 due squadre (Bulls e Mavs) non hanno raggiunto il Salary Floor. Cosa succede in questi casi? Quello che manca a raggiungere il Salary Floor la squadra lo deve redistribuire tra i restanti giocatori quindi tanto vale raggiungerlo, ovvero quote uguali per ogni giocatore che ha trascorso in squadra un periodo di tempo che copre 41+ partite in stagione. Per i giocatori che hanno trascorso un periodo di tempo che comprende dalle 20 alle 40 partite, invece, la quota spettante è dimezzata.
    2. Salary Cap: limite valicabile grazie ad una serie di eccezioni che vedremo prossimamente.
    3. Luxury Tax Line: è quella soglia che se superata comporta il pagamento di una penale (la Luxury Tax appunto); è un modo per limitare la spesa delle varie squadre. Questo limite viene determinato prima dell’inizio della stagione ed è calcolato prendendo in considerazione il 53 percento del BRI atteso a cui si tolgono i benefici previsti per poi dividere per il numero totale delle squadre presenti nella lega; questo limite, però, può essere aggiustato sulla base di quello che succede la stagione precedente: se la lega non paga i giocatori a sufficienza, il differenziale non pagato lo si divide per il numero totale delle squadre e lo si aggiunge alla Luxury Tax Line della stagione successiva; se succede il contrario e l’Escrow non basta a rimborsare la lega, a quel punto si diminuisce la Luxury Tax Line per la stagione successiva.
    4. Apron: limite fissato 6 milioni circa sopra la Luxury Tax Line e che, se superato, comporta una serie di restrizioni per la squadra:
      • Non possono usare la Bi-Annual Exception;
      • Hanno una Mid-Level Exception con un valore più basso che può essere offerta per un contratto di massimo tre anni invece che di quattro;
      • Non possono ricevere giocatori tramite Sign&Trade;
      • Limitazioni nell’utilizzo della Gilbert Arenas Provision.

Se una squadra che si trova al di sotto dell’Apron usa la Bi-Annual, fa una Sign&Trade ecc, deve rimanere sotto l’Apron per tutta la stagione.

Come si calcola la Luxury Tax?

Le squadre che superano il limite pagano un’aliquota fiscale incrementale sulla base degli stipendi totali; inoltre, se la squadra è “recidiva” (ovvero ha pagato la tassa in almeno tre delle quattro stagioni precedenti) paga ancora di più. Se per esempio una squadra “non recidiva” eccede di 7 milioni il limite della Luxury Tax, dovrà pagare: 7,5 milioni + 1,75*2 milioni = 11 milioni.

L’importo della tassa, così come per il Salary Floor, si calcola a partire dagli stipendi totali alla data dell’ultima partita di Regular Season; si devono fare, però, i seguenti aggiustamenti:

  • I Cap Hold e le eccezioni non si tengono in considerazione;
  • I bonus “unlikely” che sono stati raggiunti vengono aggiunti;
  • I bonus “likely” che non sono stati raggiunti vengono sottratti;
  • Eventuali bonus ottenuti con le trade (es: trade kicker) vengono aggiunti.


La Luxury Tax Line per la stagione 2018-19 è di 123.733.000$.

Nella stagione 2017-18 sono state quattro le squadre a pagare la tassa: Cavs (50.7 milioni), Warriors (32.3 milioni), Thunder (25.4 milioni) e Wizards (7 milioni).

Come vengono utilizzati i soldi della Luxury?

I soldi della Luxury e dell’Escrow possono essere redistribuiti alle squadre che non hanno pagato la tassa oppure possono essere utilizzati per “league purposes”.

Nel caso in cui venissero redistribuiti, devono essere redistribuiti in parti uguali. Bisogna ricordare che al massimo il 50 percento del totale può essere redistribuito. La prassi attuale è di fare 50-50 ogni anno.

Oltre al pagamento della tassa, le squadre in Luxury hanno delle restrizioni nelle simultaneous trade (vedremo più avanti).

 

TORNA AL MENU

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *