Il manuale del Salary Cap

34) LA MINIMUM SALARY EXCEPTION (APPLICATA AGLI SCAMBI) E LA POISON PILL PROVISION

Avevamo già anticipato che la Minimum Player Salary Exception poteva essere usata sia per firmare giocare dalla Free Agency che negli scambi con le altre squadre; aggiungiamo ora qualche particolare in più per il “lato scambi”.

Per acquisire via trade un contratto al minimo salariale, quindi, non c’è bisogno di “matchare” lo stipendio ricevuto con un altro stipendio di importo simile (si può per esempio scambiare una scelta al secondo giro per un giocatore al minimo); questo vale, però, per tutti i giocatori che hanno firmato al minimo salariale un contratto della durata massima di due anni e senza bonus.

Se per esempio c’è una trade con più giocatori coinvolti, tutti quelli con contratti al minimo salariale non vengono conteggiati per l’applicazione delle regole già viste in precedenza.

Questa eccezione, le due diverse tipologie di Trade Exception e la Disabled Player Exception possono essere utilizzate insieme in una stessa trade ma non per lo stesso giocatore.

Chiaramente il discorso si estende a tutte queste eccezioni ma nella realtà si applica maggiormente quando si vogliono combinare le due tipologie di Trade Exception (non puoi aggiungere il credito ottenuto a seguito di una trade non simultanea ai benefici derivanti dalla trade simultanea; non puoi neanche combinare due crediti per uno stesso giocatore).

Poison Pill Provision

E’ una regola che si ha quando una squadra applica un’estensione contrattuale al contratto di un rookie e poi lo scambia prima che l’estensione abbia effetto.

Prendiamo l’esempio di Towns che ha firmato una estensione contrattuale di recente (prendiamo il caso in cui raggiunga uno dei tre quintetti nella stagione 2018-19: è “likely” come situazione visto che è già stato selezionato per il terzo miglior quintetto l’anno precedente):

2018-19: $7.839.435;
2019-20: $32.700.000;
2020-21: $35.300.000;
2021-22: $37.900.000;
2022-23: $40.500.000;
2023-24: $43.100.000.

La Poison Pill Provision prevede che il valore salariale del giocatore che viene scambiato in una data compresa tra la firma dell’estensione contrattuale e l’applicazione della stessa, debba essere dato da una media degli stipendi del giocatore (l’ultimo anno da rookie + tutti gli anni dell’estensione).

Quindi, nel caso in cui Towns venisse scambiato per esempio nel corso della stagione 2018-19, lo stipendio “outgoing” (e quindi in uscita) da eguagliare per la squadra con cui starebbe trattando Minnesota sarebbe: 32.889.906: valore ottenuto dalla somma degli stipendi per ogni anno del contratto di Towns diviso per 6. Le squadre che vorranno Towns in questa stagione dovranno quindi pareggiare (o comunque avvicinarsi: le regole le abbiamo già viste) ai 33 milioni di dollari.

 

TORNA AL MENU

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *