Il manuale del Salary Cap

2. BRI (BASKETBALL RELATED INCOME) ED ESCROW SYSTEM

Come abbiamo già anticipato in precedenza, il BRI racchiude tutti gli introiti che la lega ha e che sono connessi al mondo della pallacanestro; introiti che possono essere ottenuti dalla NBA o da società sussidiarie sempre gestite dalla NBA quali “NBA Properties” ed “NBA Media Ventures”. Nel BRI sono comprese anche tutte le entrate di quelle imprese in cui la lega o una squadra NBA ha la maggioranza delle quote di partecipazione. E’ importante ricordare che il BRI atteso è fondamentale da stimare per il calcolo del Salary Cap.

Cosa include il BRI?

  • Gli introiti relativi ai biglietti della Regular Season e dei Playoff (meno le tasse, le spese di impianto e le spese relative al finanziamento dell’arena);
  • I diritti televisivi (ovvero la fetta maggiore);
  • I proventi degli “Exhibition Game” (meno le spese della Summer League);
  • Il valore di tutti i biglietti concessi gratuitamente (1.9 milioni di biglietti sono stati regalati la stagione 2017-18);
  • Il valore degli ingressi in “suite” gratuiti concessi;
  • Il parcheggio e le vendite effettuate dentro e fuori l’arena;
  • I proventi derivanti dagli sponsor delle squadre;
  • I proventi dei camp estivi;
  • I proventi derivanti dalla parata per la vittoria del campionato;
  • Il 50 percento dei ricavi delle presenze nelle suite di lusso, dei diritti di denominazione dell’arena e degli impianti di allenamento;
  • I ricavi provenienti dagli eventi speciali organizzati dalla NBA quali l’All Star Game (per esempio);
  • I proventi delle scommesse sulle partite NBA (novità di quest’anno) ad eccezione dei proventi dei casinò.

Il BRI, ogni anno, viene poi diviso in maniera paritaria tra giocatori e proprietari.

I giocatori prendono il 50 percento delle entrate previste +/- il 60.5 percento dell’importo che eccede le previsioni (fino ad arrivare ad un massimo del 51 percento o ad un minimo del 49 percento del BRI). La previsione del BRI per la prossima stagione è di 5,318 miliardi di dollari. Poiché gli stipendi individuali vengono negoziati prima dell’inizio della stagione (in caso di contratti pluriennali molto prima) ed il BRI non è determinato se non alla fine della stagione, ci sono dei meccanismi che correggono poi il margine di errore sulla redistribuzione di parte del BRI ai giocatori: se i giocatori ricevono meno della quota garantita dal BRI, la lega prepara un assegno all’Associazione giocatori per la differenza. Questo importo viene successivamente redistribuito tra i giocatori.

Introduciamo ora l’Escrow System: è un sistema che prevede una trattenuta del 10 percento degli stipendi (come una sorta di cauzione) che la lega richiede ad inizio anno ad ogni giocatore. Questa quota serve per controllare l’ammontare delle entrate della lega che vanno ai giocatori. Gli stipendi non devono eccedere la quota garantita del BRI per quell’anno. Se a fine stagione la somma totale dei salari dei giocatori risulta inferiore al totale che spetterebbe a giocatori (che sarebbe la quota percentuale del BRI), allora ai giocatori viene restituita la porzione di “Escrow” tale da ristabilire una parità.

L’Escrow potrebbe anche non bastare nel caso in cui gli stipendi pagati fossero MOLTO inferiori. Nel caso in cui la cauzioni non venissero restituite ai giocatori, le otterrebbero i proprietari delle squadre. Ovviamente, se la garanzia non fosse sufficiente, i giocatori non subirebbero in alcun modo una perdita superiore al 10 percento dello stipendio (che è il massimo che possono perdere ogni anno). L’escamotage che può essere utilizzato in questo caso? Si può decidere di ridurre il limite del Salary Cap nella stagione seguente per recuperare, ma solo nei casi in cui la differenza supera il 9 percento. Se l’eccesso è compreso tra il 6 ed il 9 percento ci si basa sul BRI atteso della prossima stagione e si riduce il limite del Salary Cap solo se non risulta essere sufficiente. Se l’eccesso è inferiore al 6 percento non si fa niente. In casi estremi viene rivisto il CBA.

TORNA AL MENU

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *