Il manuale del Salary Cap

17) “REST OF SEASON” CONTRACT

I “rest of season” contract sono semplici contratti che vengono firmati dopo l’inizio della stagione.

Partiamo con un esempio che racchiude il concetto più importante: se una squadra a dicembre ha 14 giocatori a roster e decide di firmare un free agent con un annuale da 10 milioni di dollari, questi 10 milioni se li “prende” tutti e non importa se ha giocato solo per uno-due mesi.

Solo i contratti al minimo salariale firmati nel corso della stagione e le eccezioni (che diminuiscono di valore dal 10 gennaio) sono proporzionali al periodo di tempo in cui è stato con la squadra.

Ad esempio, in media in NBA si gioca per 177 giorni in Regular Season. Se un giocatore firma un annuale al minimo salariale per veterani (giocatori che sono in NBA da 10+ anni) con un contratto di 2.4 milioni di dollari dopo 90 giorni dall’inizio della stagione, allora non prenderà 2.4 milioni ma 1.2 (2.4 x 87/177).

Nel caso in cui si decidesse comunque di pagarlo 2.4 milioni di dollari allora a quel punto non si potrebbe sfruttare la Minimum Player Salary Exception a cui abbiamo accennato precedentemente.

 

TORNA AL MENU

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *