Il manuale del Salary Cap

16) CONTRATTO AL MASSIMO SALARIALE

In tabella potete trovare i vari casi di massimo salariale.

Quindi, se per esempio un giocatore si trova nella lega da oltre dieci anni potrà richiedere un contratto al massimo salariale occupando il 35 percento del limite rappresentato dal Salary Cap (35 percento di 101,869 milioni = 35.654.150). Questo breve calcolo, però, si fa solo per il primo anno di contratto: per gli altri anni di contratto si può superare il massimo con un incremento annuale che, di solito, è dell’8 percento.

Una piccola eccezione riguarda il fatto che il massimo salariale non può mai essere inferiore al 105 percento dello stipendio che il giocatore ha guadagnato la stagione precedente, anche quando lo stipendio supera il limite fissato dal massimo salariale.

Vi ricordate quando abbiamo parlato di Salary Floor? Avevamo detto che, nel caso in cui la squadra non raggiungesse il 90% del Cap, dovrebbe distribuire ai giocatori in maniera proporzionale il differenziale per raggiungere il Floor. Ecco, nessun giocatore può superare il massimo salariale grazie a questa redistribuzione: se dovesse succedere, allora si distribuirebbe quello in eccesso agli altri giocatori.

Le regole fissate dalla tabella, però, possono cambiare se i giocatori rispettano determinati criteri: c’è quindi un modo per ricevere un massimo salariale maggiore del massimo “standard” rappresentato dalla tabella.

1) DESIGNATED ROOKIE RULE

I giocatori in uscita dal contratto da rookie possono ricevere il 30 percento del Salary Cap (che di norma spetterebbe ai giocatori che sono nella lega da 7-9 anni) se rispettano almeno uno dei seguenti criteri:

  • Il giocatore deve essere stato nominato All NBA First, Second o Third Team nell’ultima stagione oppure nelle due stagioni precedenti la stagione appena conclusa;
  • Il giocatore deve essere stato nominato DPOY nell’ultima stagione oppure nelle due stagioni precedenti la stagione appena conclusa;
  • Il giocatore deve essere stato nominato MVP almeno in una delle tre stagioni passate (ex Derrick Rose Rule).

2) DESIGNATED VETERAN RULE

I giocatori con 8-9 anni di esperienza che sono rimasti con la squadra che li ha scelti al Draft possono ricevere eccezionalmente il 35 percento del Salary Cap se rispettano almeno uno dei criteri già elencati in precedenza. Curry, Wall e Harden sono alcuni di quei giocatori che hanno usufruito di questa eccezione. E’ importante ricordare che i giocatori, una volta usciti dal contratto da rookie, non abbiano cambiato squadra. 

Queste eccezioni si applicano solo ai giocatori che sono stati “designati” dalla propria squadra. Per questo si tratta di giocatori come fossero i “giocatori franchigia” e quindi possono utilizzare una eccezione per un massimo di due giocatori. Ricordando che oltre alla Designated Veteran Rule c’è la Rookie Designated Rookie Rule, il totale di regole “designated” che si possono utilizzare è di quattro.

Le squadre possono designare qualsiasi giocatore ma, nel caso della Designated Rookie Rule, il giocatore deve ricevere almeno il 25 percento del Salary Cap, indipendentemente dal raggiungimento di alcun criterio.

Le estensioni contrattuali a cui si applica questa eccezione possono essere firmate solo dal 6 luglio (il July Moratorium) fino all’inizio della Regular Season e hanno lunghezza massima di sei anni (compresi gli anni ancora di contratto).

 

TORNA AL MENU

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *