Il manuale del Salary Cap

10) MID LEVEL EXCEPTION

Ogni anno, la cosiddetta MLE (Mid Level Exception) può essere usata per firmare uno o più giocatori ad una quota iniziale massima specificata e per un numero massimo di anni, con parametri diversi a seconda di quanto sia già stato “impegnato” a livello di salari:

  • 8,641 M (4 anni max) per chi è oltre il limite salariale ma non è Apron (Non-Taxpayer Mid-Level Exception);
  • 5,337 M (3 anni max) per chi è oltre il Tax Apron (Non-Taxpayer Mid-Level);
  • 4,449 M (2 anni max) per chi ha spazio salariale (Rom Mid-Level Exception).

La logica è quella di dare un minimo vantaggio a chi è sopra il limite (Salary Cap) ma non è ancora troppo sopra, di darne un po’ meno a chi è abbondantemente sopra (Apron) e poco o nulla a chi ha spazio salariale (Cap room) e quindi può offrire anche contratti liberi più alti.

Andiamo nello specifico delle tre tipologie di Mid-Level:

1) NON-TAXPAYER MID-LEVEL EXCEPTION

Eccezione disponibile solo nel caso in cui la squadra sia sotto l’Apron (il calcolo del totale degli stipendi viene fatto dopo l’utilizzo dell’eccezione); non può essere utilizzata se la squadra ha già utilizzato la Taxpayer Mid-Level Exception o la Room Mid-Level Exception.

Per determinarne il valore di anno in anno basta applicare la variazione percentuale del Salary Cap rispetto alla stagione precedente anche alla Mid-Level vecchia. Ha un valore di 8,641 milioni di dollari ma può essere divisa ed utilizzata per più giocatori. Può essere inoltre utilizzata per contratti di massimo 4 anni di durata con aumenti fino al 5 percento di anno in anno (se venisse utilizzata nell’anno in corso per un quadriennale, potrà comunque essere utilizzata tranquillamente anche l’anno prossimo. Il concetto è di una all’anno).

Altra nota: se una squadra utilizza questa MLE, valida per i team che non superano il Tax Apron, non potrà successivamente andare oltre il Tax Apron con altri contratti (deve perciò rimanere sotto l’Apron per il resto della stagione. Solo raramente il Soft Cap presente in NBA diventa un Hard Cap).

Non è possibile sfruttare un’agevolazione e poi far venire meno i presupposti di tale vantaggio.

C’è un’eccezione alla regola: nel caso in cui la squadra utilizzi la Mid-Level in questione per un importo pari o inferiore a quello rappresentato dalla eccezione numero 2 (vedere sotto) allora non sarà costretta a rimanere sotto l’Apron per tutta la stagione. In altre parole, è come se la squadra avesse utilizzato la Taxpayer MLE al posto della Non-Taxpayer MLE.

2) TAXPAYER MID-LEVEL EXCEPTION

Eccezione disponibile solo nel caso in cui la squadra sia sopra l’Apron (anche in questo caso si calcola il fatto che tu sia sopra l’Apron dopo l’utilizzo della Mid Level); inoltre non può essere utilizzata se la squadra ha già utilizzato la Non-Taxpayer Mid-Level Exception, la Bi-Annual o la Room Mid-Level Exception.

Ha un valore di 5,337 milioni di dollari ma può essere divisa ed utilizzata per più giocatori. Può essere utilizzata per contratti di massimo 3 anni di durata con aumenti fino al 5 percento.

Una squadra che si trova sopra il limite fissato dall’Apron ma non sfrutta questa Mid-Level, se nel corso della stagione scende al di sotto del Cap, avrà libero accesso alla Non-Taxpayer MLE.

3) ROOM MID-LEVEL EXCEPTION

Eccezione utilizzabile quando si ha spazio salariale; la squadra non può utilizzarla se ha già utilizzato la Bi-Annual, la 1 e la 2.

Ha un valore di 4.449 milioni e può essere divisa. Può essere usata per contratti di massimo 2 anni con incremento fino al 4 percento.

Cousins a Golden State è uno dei tanti esempi di utilizzo della MLE; tra gli altri, sarebbe un peccato non citare Shane Battier a Miami nel 2011 e Shaun Livingston sempre a Golden State ma nel 2014.

TORNA AL MENU

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *